Cerca
  • World.music_official

FEDEZ: MEGLIO DEL CINEMA. TESTO E SIGNIFICATO DEL NUOVO SINGOLO


A quattro anni da "Favorisca i sentimenti", Fedez dedica un nuovo brano alla moglie Chiara Ferragni. Si intitola "Meglio del cinema", disponibile dallo scorso 24 settembre in radio e in digitale. Si tratta del regalo dell'artista a Chiara per il loro terzo anniversario di matrimonio. La prima volta che l’ha cantata è stato proprio il 1° settembre 2021, a bordo di una piattaforma galleggiante sul lago di Como insieme al pianista e compositore Alessandro Martire, sulle luci del tramonto.




Ad appena due mesi di distanza dall'uscita del successo interplanetario di "Mille", classificatasi quadruplo disco di platino in Italia, Fedez torna sulla scena con una ballad dal sound romantico. A detta della vera protagonista della canzone, Chiara, «La mia canzone, quella che mi fa piangere ogni volta che la ascolto. Sono pronta a condividerla con tutti voi e spero vi emozioni almeno un po’».



«Scusa le parole forti e se ho scomodato i morti, mi prendo tutti i torti scusa, ma ero fuori di me – ‘È pazzo, sì’ -. È pazzo di te”» canta Fedez che, in occasione dell’uscita del singolo, ha scelto di affidarsi a un graphic designer di Manchester, Sean Longmore, per realizzare la cover e gli artwork svelati sui social nei giorni precedenti l’uscita e che ritraggono il rapper e Chiara Ferragni come i protagonisti della locandina di un film d’azione.



IL TESTO DEL BRANO


Mentre tu sei lì a struccarti, io non riesco a addormentarmi

Non dovresti preoccuparti, tanto resti sempre meglio di me

La più bella che c’è

Mi cade il vino sulla coscia vedo le macchie di Rorschach

Piango mentre siamo in doccia, ehi

Cosa hai capito di me

Per la seduta con te

Come campano i piccioni in Duomo

Hanno cibo in cambio di una foto, ma che male c’è

È capitato anche a me

Facciamoci questo ballo che forse è l’ultimo tango

Mettiti il vestito bianco e le Converse piene di fango


Rispondo a quegli stronzi che ti scrivono

E ho fatto qualche figuraccia

E qualche volta piango e tutti ridono

Ma tu mi levi i fari dalla faccia

Giuro, mi fai venire voglia di futuro

Dimmi com’è che fai

Mi lasci vincere e poi vuoi la rivincita

E litigare con te è meglio del cinema



Sto cercando amici nuovi del tipo pochi ma buoni

Al momento siamo in numero dispari minore di tre

Che poi vuol dire me

Scusa le parole forti e se ho scomodato i morti

Mi prendo tutti i torti

Scusa, ma ero fuori di me (È pazzo, si)

È pazzo di te

In mezzo ai pacchi del trasloco con l’appartamento vuoto

Metti i piedi su una foto, la guardi e ti ricordi di me

Ti ricordi di me

Perché non prendi il volo dopo che almeno stasera ceni

Scendo a fare la spesa, elencami i tuoi allergeni



Rispondo a quegli stronzi che ti scrivono

E ho fatto qualche figuraccia

E qualche volta piango e tutti ridono

Ma tu mi levi i fari dalla faccia

Giuro, mi fai venire voglia di futuro

Dimmi com’è che fai

Mi lasci vincere e poi vuoi la rivincita

E litigare con te è meglio del cinema


Anche col trucco io ti riconosco

E tu ci ridi su è meglio che vomitare

Svegliami e manda a letto il mostro

Che non è poi così lontano il mare


Giuro, mi fai venire voglia di futuro

Dimmi com’è che fai

Mi lasci vincere e poi vuoi la rivincita

E litigare con te è meglio del cinema


Il nostro sito non può contare sul sostegno né di sponsor e né di pubblicità, CLICCA QUI per sostenere le nostre idee



40 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti