Cerca
  • World.music_official

VICINI DI CAOS: ECCO A VOI IL NUOVO EP. DEL DUO 'MALDIMARTE'

Aggiornato il: apr 21





"Disagio spaziotemporale in rotta di collisione verso un futuro qualsiasi", con queste parole il duo dei Maldimarte hanno voluto presentare il loro nuovo EP. Dal titolo "Vicini di Caos": quattro tracce inedite, tanto ermetiche e misteriose quanto curiose e stimolanti, disponibili dallo scorso 29 marzo su tutti i maggiori Digital stores.


A spalancare i portoni d'ingresso dritti verso il caos ci pensa "Respirerò", brano pop-rock dalla carica esplosiva a dir poco devastante: un vero e proprio urlo di ribellione, un disperato tentativo di reazione contro le oppressioni e le falsità che la vita interpone lungo il cammino di ognuno di noi, oltre che un monito per tutti coloro i quali tendono a bloccarsi nelle apparenze dei giorni nostri.

Neppure il tempo di riprenderci, che immediatamente veniamo catapultati all'interno di "Distimia", quello che a mio parere è il vero cavallo di battaglia dell'intero EP... Una sorta di CAOS divino e primordiale in cui i Maldimarte, tramite un testo tanto crudo quanto sincero, raccontano il loro mondo, visto tramite gli occhi di un "miserabile distimico" consumato in volto e nell'animo dal peggiore dei nemici: l'insoddisfazione, figlia della depressione, frutto dei nostri giorni.



Arriviamo adesso ad "Oro logico", anello di congiunzione tra le due precedenti tracce e l'ultima: una sorta di rischiarita dopo la tempesta intellettuale ed emotiva; tramite il gioco di parole "oro-logico", i due artisti ricordano a tutti noi quanto importante sia agire e spendere il proprio tempo verso un fine utile e a non buttare neppure un istante della nostra vita terrena.

Siamo giunti all'ultima fermata di questo mistico viaggio tra il CAOS e il disordine; la canzone, dal titolo "Pirenei", va a ristabilire una sorta di ordine, seppur molto precario, tra i pensieri dei due artisti, un finale piuttosto ambiguo soggetto a diverse possibili interpretazioni: difatti, se da un lato la malinconia, portata in trionfo tra una schitarrata e l'altra, alluderebbe a un finale non proprio dei migliori, in cui l'uomo si arrende, schiacciato e oppresso dalla vita, dinnanzi all'onnipotenza del destino, dall'altro, la volontà del duo di voler ritornare nuovamente "più in alto dei Pirenei" lascia trapelare una luce di speranza, come se nonostante tutto non possa esister mai una vera e propria sconfitta nell'animo di chi ha lottato.


Il nostro sito non può contare sul sostegno né di sponsor e né di pubblicità, CLICCA QUI per sostenere le nostre idee






2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti